10 fobie strane e insolite di cui probabilmente non hai mai sentito parlare

Esistono molti tipi diversi di fobie e alcune di esse possono essere piuttosto bizzarre. Alcune paure possono sembrare sciocche ad altri, ma possono causare grave ansia o addirittura attacchi di panico in coloro che ne soffrono. Ecco un elenco delle 10 fobie più strane di cui potresti non aver sentito parlare!

10 Plutofobia

No, non paura di un personaggio Disney o di un pianeta (o di un pianeta nano, o come si chiama adesso). La plutofobia è una paura della ricchezza o delle persone ricche. Prende il nome da Plutone, il dio romano della ricchezza, questa paura di solito deriva dalla bassa autostima e dalla sensazione che una persona non meriti denaro o successo nella vita. Può nascere anche dalla sensazione che non ci saranno mai abbastanza soldi per tutti, quindi è meglio non volere più di quello che i genitori o i familiari hanno già dato.

Le persone con questa paura tendono a sentirsi indegne e indegne quando sono circondate da persone di successo che guadagnano più di loro stesse. Spesso sentono che questi ricchi li disprezzano perché guadagnano di meno. Ciò può causare un disagio significativo non solo in un ambiente sociale tra estranei, ma anche in compagnia di amici o colleghi di lavoro.

9 Globofobia

La globofobia è la paura dei palloncini solitamente associata al rumore che fanno quando scoppiano. Questa è una fobia sorprendentemente comune che può essere molto debilitante per coloro che ce l’hanno. Se hai questa fobia, anche solo vedere qualcuno che fa scoppiare un palloncino o sentirne parlare al telegiornale può scatenare attacchi di ansia e altri sintomi simili a quelli vissuti dalle persone con aracnofobia (paura dei ragni). Anche la sensazione o l’odore di un palloncino può essere un fattore scatenante.

Questo vale non solo per i palloncini, ma anche per altri oggetti rotondi come palline e bolle. Questa condizione colpisce molti e varia da persona a persona a seconda di quanto grave fosse il problema del palloncino durante l’infanzia o l’età adulta. Fortunatamente, la maggior parte dei bambini supera questa fobia man mano che invecchiano.

I bambini non sono soli a rischio; gli adulti possono sviluppare la globofobia se vedono di nuovo i palloncini dopo che non li hanno visti per molti anni – anche una breve apparizione di un palloncino in TV è sufficiente per questo. Ora combina la globofobia con la coulofobia – la paura dei pagliacci – e hai la storia dell’orrore perfetta. Oh aspetta, ce l’abbiamo già. Grazie signor King!

8 Linonofobia

Una persona con linonofobia sperimenterà reazioni estreme anche quando pensa a una corda, figuriamoci a vederla con i propri occhi. Le persone che hanno subito traumi e sviluppano questa fobia evitano qualsiasi associazione o connessione tra loro e la corda, incluso lavorare a maglia o allacciarsi un paio di scarpe da tennis. La loro paura può persino impedire loro di andare al centro commerciale, perché hanno paura di vedere i fili sui vestiti nelle vetrine (pensa ai fili).

Questa fobia può essere innescata da varie cose, come il suono o il tipo di filo. Alcune persone possono persino sentirsi ansiose quando vedono qualcosa che sembra una corda, come filo, filo o persino corda. Altri avvertono sintomi solo a contatto con la corda stessa.

A volte la lonofobia può svilupparsi dopo associazioni negative sorte durante l’infanzia, quando una persona è stata punita, limitando la sua libertà – ad esempio, quando è stata punita (pensa a una tata malvagia) o anche durante i giochi in un campo estivo, come correre su tre gambe o catturando la bandiera.

7 Pogonofobia

Le persone con pogonofobia hanno paura della barba e possono persino sentirsi ansiosi quando guardano una foto o parlano con una persona che ne ha una. La pogonofobia deriva dalla parola greca pogon che significa barba. Di solito non vogliono fare amicizia con la persona barbuta, poiché potrebbero associarlo a un incidente inquietante del loro passato quando la persona barbuta ha causato loro sofferenza.

Le persone che soffrono di pogonofobia possono anche provare questa paura a causa dell’incapacità di farsi crescere la barba. Possono anche non gradire il fatto che la barba oscuri i tratti del viso o che la persona non osservi l’igiene, associandola a sporcizia, impurità e persino senzatetto. Provano ansia alla vista di persone con la barba, il che li porta a evitare del tutto le persone con la barba.

6 Etofobia: paura dei capelli

L’etofobia, la paura dei capelli, è associata al numero 7. Questa fobia può essere associata alla paura dei propri capelli, dei capelli degli altri o persino dei peli degli animali. I fitofobici possono avere paura di pettinarsi i capelli o persino i peli del proprio corpo. E dimentica i gatti: la loro pelliccia, oltre al rischio di formazione di boli di pelo. Orrore! Evitano situazioni in cui altre persone si toccano i capelli e il taglio è solitamente difficile per loro.

Forse questa paura si è sviluppata a causa di una spiacevole esperienza con il cappotto. Un taglio di capelli non riuscito o una significativa perdita di capelli, come la calvizie, sono due esempi. Può anche essere il risultato di una persona che pensa che i capelli siano sporchi e quindi evita di toccarli.

La tricofobia e la tricopatofobia sono fobie correlate. La paura dei capelli sciolti, come quelli che cadono sui vestiti o sotto la doccia, è nota come tricofobia. La tricopatofobia è la paura di una condizione dei capelli, ad esempio quando i capelli cambiano colore o diventano calvi.

5 Vestifobia: paura dei vestiti

Le persone con vestifobia hanno una paura irrealistica dell’abbigliamento. Deriva dalla parola latina vestis, che significa abbigliamento, vestiario o copertura, e può manifestarsi nella paura di un capo di abbigliamento o di tutti gli indumenti. La paura può essere scatenata dal materiale del capo, come cotone o lana. Ad esempio, se una persona ha una reazione allergica ai tessuti, l’ansia associata a questa reazione può portare allo sviluppo di una fobia più avanti nella vita.

Un’altra fonte potrebbe essere la paura degli indumenti stretti, che collega la vestifobia alla claustrofobia o la paura degli spazi ristretti. L’incapacità di muoversi o sentirsi limitati nei movimenti può innescare questa fobia quando si indossano jeans attillati o un cappotto troppo piccolo. La più alta manifestazione di questa fobia può portare al fatto che una persona non sarà in grado di indossare vestiti e dovrà solo sedersi a casa, nudo in autoisolamento.

4 Optofobia

Le persone con optofobia hanno paura di aprire gli occhi. È difficile per una persona che soffre di questa fobia condurre la vita quotidiana senza aprire gli occhi almeno una volta, anche per poco tempo, alla ricerca di qualcosa. Di solito preferiscono anche stare in casa o in zone poco illuminate.

Le persone con optofobia spesso soffrono di disturbo d’ansia generalizzato (GAD), che può svilupparsi dopo che un incidente ha causato loro un grave disagio – ad esempio, assistono a un evento traumatico, come la morte di una persona cara in un incidente d’auto. Può anche essere situazionale, una condizione che alcuni di voi potrebbero sperimentare in questo periodo dell’anno. Hai mai visto un film di paura e ti sei dovuto coprire gli occhi per paura di vedere cosa c’era sullo schermo? Il solo pensiero di aprire gli occhi e guardare può portare a palpitazioni cardiache, vomito e attacchi di panico.

3 Arithmofobia: paura dei numeri

Molte persone hanno paura delle lezioni di matematica fin dall’infanzia, ma coloro che soffrono di aritmofobia sperimentano una vera paura, che può peggiorare seriamente la loro vita. Le persone con questa ansia di solito si sentono ansiose e timorose quando vedono i numeri. Potrebbe essere una paura generale di tutti i numeri o di un numero specifico.

La paura generale dei numeri di una persona può influire seriamente sulla sua istruzione e professione. Immagina di provare a prendere una laurea senza dover fare nemmeno un po’ di matematica. E molte professioni saranno allarmanti: ragioniere, banchiere o cassiere.

La paura di un numero specifico di solito si sviluppa a causa della superstizione o delle paure religiose. Numeri specifici sono validi in molte credenze in tutto il mondo, molti credono nella numerologia. Numeri sfortunati si trovano in varie culture in tutto il mondo, in particolare il numero 13 o 666 nel mondo occidentale. In Cina, Vietnam e Giappone, il numero 4 è considerato sfortunato perché in queste lingue suona come la parola “morte”. Così come gli hotel occidentali non hanno un tredicesimo piano, in Giappone non è possibile prenotare una camera al quarto piano.

2 Agmenofobia

Vai in banca, alla polizia stradale o al fast food locale… e c’è la fila. In quale ti alzerai? Per qualcuno con agmenofobia, questo può essere un serio dilemma. L’agmenofobia è la paura che la linea a cui ti unisci sia più lenta dell’altra e dovrai aspettare e aspettare… e aspettare. Di fronte a una tale decisione, a volte una persona può solo incrociare le dita e sperare di aver scelto l’opzione giusta.

Il pensiero di aver scelto la linea sbagliata e di averlo fatto tutti può causare sudorazione, ansia e attacchi di panico. Come molte altre fobie, la causa esatta di questa fobia non è nota, ma potrebbe avere a che fare con l’idea che la persona dovrà trascorrere del tempo che potrebbe non avere in fila che semplicemente non si muove. O con la paura di non arrivare prima in prima fila. (Stai confrontando il tuo posto con la persona nella riga successiva, giusto? O sono solo io?) Le persone con agmenofobia possono alleviare la loro ansia facendo squadra inviando un amico a difenderli in un’altra riga.

1 Eptacaidecafobia: paura di venerdì 17

Nata da un’altra fobia, la paura del numero tredici affonda le sue radici nell’antica Sumeria, anche se non intenzionalmente. Il Codice Hammurabi non includeva la tredicesima legge, che alcuni ritenevano correlata al numero stesso, sebbene si trattasse di un semplice errore materiale. Il numero ha anche un’origine superstiziosa nel cristianesimo e nella mitologia norrena associata al tredicesimo ospite a cena. Molti hanno anche paura del venerdì, che incarna i terribili eventi della storia e del folklore accaduti in questo dannato giorno.

Non si sa esattamente quando il numero 13 o 17 e il giorno del venerdì siano stati associati l’uno all’altro, ma sembra che questa idea abbia guadagnato una certa popolarità dopo che T.V. Lawson pubblicò il suo libro Venerdì tredicesimo nel 1907. Per molti, la paura di questo giorno può essere associata a un evento terribile accaduto il venerdì 13 precedente, che sia successo a loro o a qualcun altro. Quando questo giorno appare sul calendario, la persona potrebbe aver aumentato l’ansia in previsione di qualcosa di terribile, ad esempio la morte di una persona cara o il licenziamento dal lavoro. Chi ne soffre può scegliere di rimanere a casa per evitare un evento provocatorio. Ma non preoccuparti, per ora siamo tutti al sicuro, poiché il prossimo evento si svolgerà solo nel maggio 2022.