La scienza spiega come l’abitudine di lamentarsi fa ammalare il nostro cervello

Spesso ci chiediamo perché le persone si lamentano, si lamentano così tanto e l’unica risposta che troviamo è che ci si sente bene. Ma lo è davvero?

Con le routine strette e la frenesia della vita nelle città, abbiamo notato sempre più l’aumento del numero di casi di ansia, depressione, stress, tra gli altri problemi emotivi e psicologici che richiedono un monitoraggio professionale. C’è chi soffre in silenzio, chi non è turbato da nulla e chi ha l’abitudine di lamentarsi.

Le lamentele appaiono come un modo momentaneo di esprimere sentimenti, ma questo non è esattamente ciò che accade a chi emana negatività ea chi la riceve, ascoltando incessantemente. Secondo uno studio dello psicologo Jeffrey Lohr, la denuncia infetta l’ambiente e tutti coloro che vi si trovano, facendoli sentire molto peggio di prima.

Il filosofo e informatico, l’americano Steven Parton , ha deciso di studiare il motivo per cui l’abitudine di lamentarsi influisce negativamente sull’umore, creando in alcune persone uno “stato permanente di umore basso”. Secondo lui il cervello costruisce le sue connessioni con ciò che viene ripetutamente esposto, quindi chi è più abituato a lamentarsi e ad avere pensieri negativi induce la testa a farlo altre volte.

Per i professionisti, lamentarsi continuamente può far sì che il nostro cervello produca sinapsi “negative”, cioè ogni volta che pensiamo, i nostri neuroni rilasciano neurotrasmettitori, il che fa sì che l’uno si connetta all’altro. Creando questi presunti ponti, l’informazione viene passata dal cervello, fino a raggiungere il suo obiettivo.

Secondo Parton, più ci lamentiamo, più il cervello si abitua a creare connessioni neurali, quei ponti, in percorsi che rilasciano più sentimenti negativi e ci causano stress. Indica che, in questi casi, la cosa migliore da fare è ridurre l’abitudine di lamentarsi in modo che il cervello sia condizionato ad altri fattori.

Se senti che la tua energia svanisce quando senti un collega lamentarsi troppo, sappi che, secondo i professionisti, c’è un motivo, questo significa che le lamentele non riguardano solo la persona che le emette, ma anche che sono intorno solo perché siamo condizionati a reagire con empatia agli altri.

Mentre il nostro cervello cerca di capire cosa c’è che non va in quella persona o come si sente, modula una certa parte del nostro comportamento. Cioè, cercando di immaginare cosa prova quella persona, abbiamo gli stessi neurotrasmettitori che vengono emessi, creando percorsi negativi.

Poiché i reclami consolidano le sinapsi “negative”, il loro impatto sulla salute fisica è forte. Una storia della BBC mostra quando un gruppo di ricercatori ha scoperto che determinati pensieri influenzano determinate regioni del nostro corpo. Non dimentichiamo nemmeno che il cortisolo può anche alterare negativamente il modo in cui funziona il nostro corpo, come la pressione sanguigna, la glicemia e persino l’infiammazione.

Vale la pena ricordare che il cortisolo è un neurotrasmettitore e che riflette solo come, secondo i ricercatori, siamo in disarmonia corporea. Il nostro sistema immunitario è importante anche per aiutare a regolare alcune carenze e ansie, aiutando a mantenere il corpo in modo che alcune malattie non si sviluppino, come le malattie cardiovascolari e il cancro.

Gli specialisti avvertono che è necessario effettuare un follow-up medico e psicologico e creare una solida rete di supporto affinché questi eventi non vadano oltre i limiti. Una routine serrata non è sempre valida, soprattutto quando si parla di salute, né dobbiamo concedere pause e riposo come soluzione a tutto. È necessario pensare a modi di lavorare in cui il fattore principale non è esposto alle malattie.